Primary Menu
  • Park2Go
  • Apartments Florence
  • Pavimenti In Legno Taddeo
Mostre

Arte Moderna e Contemporanea. Antologia Scelta 2016

LUOGO: Tornabuoni Arte

COSTO DEL BIGLIETTO: ingresso gratuito

TELEFONO PER INFORMAZIONI: +39 055 6812697

E-MAIL INFO: info@tornabuoniarte.it

SITO UFFICIALE: http://www.tornabuoniarte.it

 
COMUNICATO STAMPA: 
Tornabuoni Arte rinnova l’appuntamento annuale con la mostra antologica della sua collezione Arte moderna e contemporanea. Antologia scelta 2016 che inauguravenerdì 11 dicembre, alle ore 18.00, nella sede di Firenze, in lungarno Benvenuto Cellini 3 (lunedì 14 dicembre, alle ore 17.30 nella sede di Milano, in via Fatebenefratelli 36). 
Per l’occasione sarà presentato il catalogo delle opere con introduzione di Gino Pisapia, un prezioso volume che raccoglie la selezione antologica di più di cento opere di arte moderna e contemporanea e documenta anche l’eclettico e vasto panorama artistico nazionale e internazionale che spazia dai primi del Novecento a oggi. 
La collezione è il frutto di un lungo e accurato anno di lavoro, fatto di scelte, di scoperte e incontri casuali. 
E’ il risultato e la testimonianza del modus operandi che Tornabuoni Arte conduce da anni con passione e dedizione, in un percorso coadiuvato dal rapporto sempre più forte con collezionisti, fondazioni e musei e dal network capillare di gallerie in Italia e all’estero. 

Arte moderna e contemporanea. Antologia scelta 2016 offre un sguardo importante su tutto il Novecento italiano e internazionale e sui principali movimenti artistici che lo hanno attraversato, incontestabile pregio delle raffinate scelte di Roberto Casamonti. 

Apre questa nuova antologia il delicatissimo Segni Rosa realizzato da Carla Accardi nel 1969. Tre le opere firmate Giorgio De Chirico che insieme a Tasse et paquet de tabac di Pablo Picasso del 1922 e Raphaela en mauve del 1957-75 di Tamara De Lempicka sono fra i capolavori più rari della selezione. Del “Gruppo degli Otto”, i pittori astratto-concreti che definì Lionello Venturi, sono da evidenziare i tre dipinti ad olio di Giuseppe Santomaso Momento in Fonderia del 1953, Racconto Segreto del 1963 e Senza Titolo del 1983.

La sezione di maggior rilievo del catalogo è costitutita da un gruppo di artisti che, oltre ad aver condiviso idee e sperimentazioni nel corso delle propria carriera, sono stati protagonisti della XXXIII Biennale di Venezia del 1996. Troviamo Enrico Castellani conDittico Rosso del 1963, Agostino Bonalumi con Verde del 1989, Grigio del 1981, Rossodel del 1984, Bianco del 1978, le opere di Paolo Scheggi e Riccardo Guarnieri, attualmente esposte nella galleria parigina di Avenue Matignon e Alberto Burri conCatrame del 1950, A.1 del 1953 e Rosso nero del 1955. Lucio Fontana è invece presente con ben 7 opere fra cui Concetto spaziale del 1963. Altrettanto determinante è la sezione che comprende i lavori di Michelangelo Pistoletto, Pino Pascali, Mario Merz e Alighiero Boetti, per rappresentare quel 1968 anno di consacrazione dell’Arte Povera. Altamente significativi i quattro lavori di Piero Dorazio presenti nel catalogo.

Altro piccolo tesoro di questa notevole raccolta è costituito dal lavoro di Sol LewittComplex forms n.22 del 1989 e dalla scultura in bronzo Seme d’arancia 2007-2015 di Emilio Isgrò, una versione in scala ridotta della compagna gemella esposta ad EXPO Milano 2015.

Una parte della collezione è esposta nella sede della galleria fiorentina di via Maggio 58r, Tornabuoni Arte Contemporary Art. Presenta un corpus di lavori composto da nuove proposte come tra gli altri Francesca Pasquali, reduce dalla Biennale di Monza e dal Premio Cairo 2015, Enrico Benetta con un poetico Totem d’autore e Omar Galliani con due suggestivi ritratti su tavola.

Banner Pubblicitario