La poetessa Laura Battiferri

Laura Battiferri, nata a Sassocorvaro (PU) il 13 novembre 1523 e scomparsa a Firenze il 3 novembre 1589, è stata una poetessa di grande rilievo nel panorama letterario italiano del XVI secolo. La sua figura è stata caratterizzata da una fervida passione per la letteratura e da una vita segnata da relazioni significative con intellettuali e artisti del suo tempo.

Agnolo Bronzino, Ritratto di Laura Battiferri, Palazzo Vecchio, Firenze

Nata da una famiglia nobile, Laura Battiferri coltivò fin da giovane un profondo interesse per gli studi umanistici, dimostrando un'eccezionale predisposizione per la poesia e la scrittura. Il suo matrimonio con Vittorio Sereni e successivamente con l'architetto Bartolomeo Ammannati non le diede figli, consentendole di dedicarsi completamente alla sua passione per la letteratura. La poetessa aprì le porte della sua dimora a Maiano a un'ampia cerchia di umanisti, artisti e poeti, creando un ambiente culturale e artistico ricco di stimoli e ispirazioni. La presenza di figure quali Agnolo Bronzino, Benvenuto Cellini e Bernardo Tasso tra i frequentatori della sua villa testimonia l'importanza e l'influenza di Laura all'interno del panorama culturale del suo tempo.


Il 1560 rappresentò un momento significativo nella carriera di Laura Battiferri, con la pubblicazione del suo celebre lavoro "Il primo libro delle opere toscane," dedicato a Eleonora di Toledo, moglie di Cosimo I de' Medici. Quest'opera, composta da 126 sonetti, 13 madrigali e altre composizioni, ricevette ampi elogi e fu paragonata addirittura a Saffo, attestando la sua reputazione come poetessa di grande talento e sensibilità.
La fama di Laura le valse l'ammissione all'Accademia degli Intronati di Siena e forse anche all'Accademia degli Assorditi di Urbino, sottolineando il riconoscimento della sua importanza nel contesto letterario e culturale dell'epoca. La corrispondenza con altre figure di spicco, come Lucia Bertani e Benedetto Varchi, testimonia l'ampio network di relazioni e l'influenza di Laura all'interno di cerchie letterarie e intellettuali.
Oltre alla sua produzione poetica, Laura Battiferri si distinse per i "Sette salmi penitenziali" pubblicati nel 1564, un contributo significativo alla letteratura della Controriforma dedicato alla duchessa di Urbino Vittoria Farnese. Quest'opera evidenzia la profondità e la varietà del suo talento letterario, confermando la sua versatilità e la capacità di adattarsi a diversi stili e tematiche.

Chiesa di San Giovannino in via de' Martelli all'angolo con via Gori.

Laura trascorse gli ultimi anni della sua vita a Firenze, dove morì nel novembre 1589. La sua tomba, condivisa con il marito, si trova nella chiesa di San Giovannino, simbolo tangibile della sua permanente presenza nell'ambito culturale e artistico della città.
L'unica opera in prosa pervenuta fino a noi è un'orazione sul Natale di Nostro Signore, ancora inedita, ad eccezione di una traduzione inglese, rappresentando un prezioso lascito della sua produzione letteraria.

Altri articoli
Cesare Ciani
Cesare Ciani

A cavallo dei due secoli, la sua pittura è intensamente vitalista.

La poetessa Laura Battiferri
La poetessa Laura Battiferri

La sua villa a Maiano divenne un centro culturale frequentato da illustri artisti.

Anna di Cosimo II de' Medici
Anna di Cosimo II de' Medici

Anna morì nel 1676 a Vienna, lasciando un'eredità di passione artistica e un ruolo significativo nella storia medicea.

Antonio Bianchi, chi era costui?
Antonio Bianchi, chi era costui?

Un personaggio del Seicento scomparso e dimenticato.