Don Antonio Ramirez de Montalvo

Don Antonio Ramirez de Montalvo
La famiglia Ramirez de Montalvo è una casata nobile di origine spagnola con radici in Italia sin dal 1539, quando Don Antonio Ramirez de Montalvo giunse a Firenze accompagnando Donna Eleonora di Toledo, destinata a sposare il granduca di Toscana, Cosimo I de' Medici. Questo illustre casato ha giocato un ruolo significativo nella storia italiana e spagnola, lasciando un'impronta duratura attraverso le sue connessioni politiche, il mecenatismo culturale e le sue attività religiose.
Don Antonio Ramirez de Montalvo, originario della Castiglia, giunse a Firenze nel 1539 accompagnando Donna Eleonora di Toledo, destinata a sposare il granduca di Toscana, Cosimo I de' Medici.
Eleonora di Toledo, figlia del potente Don Pedro Alvarez di Toledo, marchese di Villafranca e viceré di Napoli, divenne la moglie di Cosimo I, consolidando così la posizione politica del granduca tra le influenti corti italiane.
Don Antonio fu nominato primo maggiordomo da Cosimo I e ricevette la donazione di una casa torre in Borgo Albizi, trasformata successivamente nel Palazzo Ramirez de Montalvo. Acquisì anche altre proprietà e ricevette il feudo di Sassetta nella Maremma pisana.
Don Antonio ebbe due figli, Don Ermando e Don Giovanni, e la famiglia gestì il feudo di Sassetta fino all'abolizione dei feudi.
Eleonora Ramirez de Montalvo, figlia di Don Giovanni, fu la fondatrice delle Suore Minime Ancelle della Santissima Trinità, comunemente note come Montalve, contribuendo così al patrimonio religioso e sociale della regione. Gli ultimi signori feudali furono Antonio III e il fratello Leone, che successivamente cedettero la signoria per necessità ai rami cadetti. I loro beni allodiali (1) a Sassetta furono infine venduti a un ricco possidente pisano nel 1849.

(1) Allodio era utilizzato nel Medioevo per indicare i beni e le terre possedute in piena proprietà, in opposizione ai termini feudo o "beneficio", con i quali si indicavano invece i beni ricevuti in concessione da un signore dietro prestazione di un giuramento di fedeltà (il cosiddetto omaggio feudale o vassallatico).

Busto di Don Antonio Ramirez di Montalvo in bronzo con patina sfumata, con un cartiglio che reca la scritta 'comm.ant.ramirez di montalvo'. Fine XIX secolo, inizio XX secolo.
Altri articoli
Margherita Hack
Margherita Hack

Pioniera all'Osservatorio di Trieste, ha contribuito alla ricerca e alla divulgazione scientifica, rendendo la scienza accessibile a tutti.

Giotto da Bondone
Giotto da Bondone

I primissimi anni del pittore sono stati oggetto di credenze quasi leggendarie fin da quando egli era in vita.

Lucrezia de' Medici
Lucrezia de' Medici

Dopo il sacco di Roma, fuggì a Venezia, tornando successivamente. Rimasta vedova nel 1533, guidò il parentado Salviati.

Un Visionario delle Arti
Un Visionario delle Arti

Baldomer Gili i Roig, pittore e fotografo spagnolo, influenzato dai Sorollistas, espose in Europa e America. Morì nel 1926.