Ufficio del Monte Comune

Ufficio del Monte Comune (o Monte delle Graticole)

 

L'Ufficio del Monte Comune, noto anche come Monte delle Graticole, fu istituito a Firenze nel 1343. Questo ufficio aveva il compito di registrare tutte le somme di denaro prestate dai cittadini al Comune, e in cambio i prestatori ricevevano un interesse annuale sul loro capitale. Il termine "monte" in questo contesto si riferiva a un'operazione finanziaria che coinvolgeva un flusso di denaro.

Secondo quanto riportato da Benedetto Varchi, la Repubblica di Firenze aveva accettato ingenti somme di denaro e aveva stabilito che ogni anno ciascun prestatore avrebbe ricevuto il 25% di interesse sul suo credito. Questa prospettiva di un buon investimento spingeva molti genitori a depositare somme di denaro presso il Monte Comune quando nasceva una figlia. Questo denaro rimaneva vincolato per un certo numero di anni, con l'obiettivo di fornire alla figlia una dote sicura una volta raggiunta la maggiore età. È importante notare che, sebbene in alcuni casi il prestito fosse volontario, in realtà fungeva da imposta dalla quale erano esclusi solo i cittadini meno abbienti.

Il Monte Comune veniva periodicamente riformato, con variazioni degli interessi nel tempo. Era popolarmente noto anche come Monte delle Graticole a causa dei cancelli posti a protezione dei banchi dei funzionari addetti. A questi cancelli venivano attaccate tutte le comunicazioni relative ai prestiti effettuati. Gli ufficiali responsabili dell'amministrazione del Monte venivano eletti dal Comune e tenevano le loro sessioni il mercoledì e il giovedì sera nella propria residenza situata al Palazzo del Bargello. Successivamente, si trasferirono in Via di Capaccio, dove è ancora visibile oggi, scolpito in pietra, lo stemma di questo Ufficio.

Lo stemma mostrava sei monti araldici d'oro disposti a forma di piramide su uno sfondo azzurro, con un giglio dello stesso colore posto sopra di essi. Questo stemma rappresentava simbolicamente l'attività finanziaria del Monte delle Graticole e la sua importanza nell'economia della città.

 

Ufficio del Monte Comune o Monte delle Graticole
Altri articoli
'Maledette Parte'
'Maledette Parte'

La rivalità tra questi due gruppi, diffusasi in tutta Italia, si basava più su interessi locali che su ideologie.

Provvedimenti e soccorsi nell'inondazione
Provvedimenti e soccorsi nell'inondazione

Se i danni di questa inondazione, 1844, furono ben lievi per Firenze, lo si deve intieramente al governo granducale.

La funzione del fuoco santo.
La funzione del fuoco santo.

Il Porta fuoco fu realizzato su commissione della Parte Guelfa quando i Pazzi persero il privilegio di occuparsi del cero pasquale, dopo la “congiura de’ Pazzi” contro la famiglia Medici.

La dama plebea del Trecento
La dama plebea del Trecento

La donna plebea fu copiata anch'essa dalle miniature del sopraccitato manoscritto del Roman de la Rose