Margherita Hack

Margherita Hack (Firenze, 12 giugno 1922 - Trieste, 29 giugno 2013) è stata un’astrofisica, divulgatrice scientifica e attivista italiana. Si è laureata in fisica nel 1945 con una tesi di astrofisica sulle Cefeidi presso l’osservatorio di Arcetri di Firenze. Ha dato un grande contributo allo studio delle stelle ed è stata la prima donna italiana a dirigere l’Osservatorio astronomico di Trieste.
Margherita Hack è stata anche una figura pubblica molto attiva nella difesa dei diritti civili, degli animali e dell’ambiente. Ha partecipato a numerose manifestazioni e iniziative per la pace, la giustizia sociale e la tutela dell’ambiente. Nel 2004 ha fondato il Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito (1).
Margherita ha dato un grande contributo alla divulgazione scientifica in Italia. Ha scritto numerosi libri di divulgazione scientifica, tra cui “La mia vita tra le stelle” e “Il cielo di Margherita”, che hanno avvicinato il grande pubblico alla scienza e all’astronomia. Inoltre, ha partecipato a numerosi programmi televisivi e radiofonici, dove ha parlato di astronomia e scienza in modo semplice e accessibile a tutti. Ha anche tenuto conferenze e seminari in tutta Italia, con l’obiettivo di diffondere la conoscenza scientifica e promuovere la cultura della scienza.

Ecco un riassunto della sua carriera e dei suoi contributi:
Margherita Hack ha iniziato la sua carriera accademica insegnando all'Università di Firenze nel periodo tra il 1948 e il 1951. Successivamente, dal 1954 al 1963, ha lavorato presso l'Osservatorio astronomico di Merate, tenendo contemporaneamente corsi presso l'Istituto di Fisica dell'Università di Milano. Nel 1964, ha ottenuto la cattedra di astronomia all'Università di Trieste, dove ha insegnato fino al 1992. È stata la prima donna italiana a dirigere l'Osservatorio Astronomico di Trieste, ricoprendo tale incarico dal 1964 al 1987 e portandolo a livello di rinomanza internazionale.
Margherita Hack è stata un membro di varie prestigiose società fisiche e astronomiche ed è stata direttrice del Dipartimento di Astronomia dell'Università di Trieste in diversi periodi tra il 1985 e il 1997. È stata anche membro dell'Accademia Nazionale dei Lincei, contribuendo in particolare alla sezione di astronomia e applicazioni. Ha collaborato con osservatori astronomici in America ed Europa ed è stata coinvolta in gruppi di lavoro dell'ESA e della NASA.
Ha pubblicato numerosi lavori originali su riviste internazionali e scritto libri sia divulgativi che di livello universitario. Nel 1978, ha fondato la rivista bimensile "L'Astronomia," contribuendo alla divulgazione della scienza astronomica. Nel 1995, ha ricevuto il Premio Internazionale Cortina Ulisse per la divulgazione scientifica, in collaborazione con Giovanni Caprara, per il libro "Il nuovo sistema solare." Margherita Hack ha anche condotto ricerche significative sui buchi neri e ha scritto un libro sul tema intitolato "L'Universo alle soglie del duemila" nel 1995.
 

La professoressa è stata una attivista per i Diritti Umani.
Margherita Hack ha sottolineato che in molti altri paesi, il riconoscimento dei diritti delle persone omosessuali rappresenta un segno di civiltà. Tuttavia, ha criticato l'Italia definendola "arretrata" in questo senso. Ha attribuito parte di questa situazione al fatto che il Vaticano esercita una notevole influenza sulla classe politica italiana. Ha affermato che la politica italiana non è libera e spesso manca del coraggio di reagire, citando il Vaticano come un fattore deterrente. Ha anche affermato che, se la politica non reagisce, ciò significa che è più timorosa della Chiesa e manca di rispetto per la libertà altrui.
Le parole di Margherita Hack riflettono il suo impegno per la promozione dei diritti delle persone omosessuali e il suo dissenso nei confronti della mancanza di progresso in Italia in questo campo, sottolineando la sfida tra l'influenza della Chiesa e i diritti delle minoranze.

(1) Il Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito è un partito politico italiano fondato nel 2004 da Margherita Hack e altri attivisti. Si definisce come un partito transnazionale, transpartito e nonviolento, che si batte per la difesa dei diritti umani, la pace, la giustizia sociale e la tutela dell’ambiente.

Il partito ha una forte presenza internazionale ed è riconosciuto come organizzazione non governativa con status consultivo generale di prima categoria presso l’ECOSOC dell’ONU.

Altri articoli
Luigi Frullini, intagliatore
Luigi Frullini, intagliatore

Luigi Frullini riscosse il primo successo nel 1861 all'Esposizione nazionale italiana di Firenze.

Rodolfo Siviero
Rodolfo Siviero

Eroe della salvaguardia artistica lottò contro i nazisti per riportare in Italia opere trafugate, lasciando una enorme eredità culturale.

Il Lachera, improvvisatore
Il Lachera, improvvisatore

"La venga sposa, la prenda questo coso caldo in bocca; se la non si spiccia non gliene tocca!"

Tito Chelazzi
Tito Chelazzi

Tito Chelazzi fu chiamato dal suo maestro Alessandro Martini per restaurare il dipinto miracoloso nella basilica di Santissima Annunziata