Niccolò Barabino, pittore

Niccolò Barabino
(San Pier d'Arena, 13 giugno 1832 – Firenze, 19 ottobre 1891)
 

Niccolò Barabino, il rinomato pittore genovese del XIX secolo, fu un maestro nell'uso del colore e nella composizione artistica. Nato nel 1832 a Sampierdarena, vicino a Genova, mostrò fin da giovane un talento per l'arte. Nonostante una formazione iniziale limitata, fu ammesso all'Accademia Ligustica di Belle Arti, dove studiò con dedizione.
A Firenze, iniziò a ottenere riconoscimenti con il suo dipinto "La morte di Bonifacio VIII" e ricevette commissioni importanti, tra cui un trittico per la chiesa della Concezione a Genova. Barabino divenne noto per i suoi affreschi, tra cui quelli nella chiesa di San Giacomo di Corte a Santa Margherita Ligure e i Profeti a Sestri Ponente.
Realizzò anche opere di grande rilevanza storica, come "Galileo dinanzi al Tribunale della Inquisizione", "Colombo deriso al Consiglio di Salamanca" e "Archimede ed Alessandro Volta". Questi lavori gli valsero premi e riconoscimenti.
Oltre a dipingere, Barabino fu attivo nell'assistenza durante l'epidemia di colera del 1884 in Liguria e ricoprì posizioni di prestigio, tra cui la presidenza del Circolo degli Artisti a Firenze. Fu anche riconosciuto con due commende e nominato Cavaliere dell'Ordine del Merito Civile di Savoia.
La sua carriera artistica fu caratterizzata da una continua dedizione allo studio e all'arte, e il suo lavoro è ancora oggi apprezzato e rispettato in tutta Italia.

Tratto da Angelo De Gubernatis - Ugo Matini, Dizionario degli artisti italiani viventi, pittori, scultori e architetti, Firenze, Tip. dei successori Le Monnier, 1889
Angelo De Gubernatis (Torino, 7 aprile 1840 – Roma, 26 febbraio 1913) è stato uno scrittore, linguista e orientalista italiano. Nel 1906 fu candidato al Premio Nobel per la letteratura. Una parte delle sue collezioni di reperti raccolte nei suoi viaggi in India è confluita nel Museo Antropologico di Firenze.

L'Influenza dell'Accademia Ligustica di Belle Arti sulla Carriera di Niccolò Barabino
Niccolò Barabino, Mosaico del portale centrale del Duomo di Firenze
Cristo in trono con Maria e San Giovanni Battista
La Storia Raccontata attraverso la Pennellata di Niccolò Barabino
L'Immacolata, (particolare) la pala dell'altare dipinta da Nicolò Barabino situata nella Cappella del Rosario, Genova
Niccolò Barabino e la sua Eredità Artistica: L'Influenza Continua del suo Lavoro
Il Colore Vibrante e la Composizione Straordinaria: L'Arte di Niccolò Barabino
Morte di Bonifacio VIII
Galileo Galilei davanti al tribunale dell'Inquisizione. Olio su tela di Niccolò Barabino, 1888.
Replica ridotta dell'affresco in Palazzo Celesia a Genova (Collezione privata, Genova).
Nicolò Barabino, Vespri Siciliani
Nicolò barabino, la Carità tra i rappresentanti delle corporazioni artigianali di Firenze, 1885-87
Affreschi e Dipinti di Niccolò Barabino: Opere d'Arte dall'Impatto Duraturo
Nicolò Barabino, nudo femminile sdraiato
Altri articoli
Giuliano Vangi
Giuliano Vangi

Un viaggio attraverso l'arte e la vita di un maestro che ha plasmato la materia con passione, lasciando un'eredità al mondo intero.

Jacopo della Quercia
Jacopo della Quercia

La sua ricerca di equilibrio tra stili lo rese una figura di transizione cruciale nell'arte scultorea.

Plautilla Nelli
Plautilla Nelli

La sua iconografia influenzò altri ritratti di monache toscane. La pittrice morì in convento.

Gemma Donati
Gemma Donati

Gemma Donati: nella storia la silenziosa compagna di Dante Alighieri