Un attentato che scosse l'Italia

Scoppio della Bomba in Via Guelfa, Firenze.
Il 18 novembre 1878, Firenze fu teatro di un drammatico attentato durante una manifestazione monarchica, un evento immortalato dall'Illustrazione Italiana dell'8 dicembre 1878. Questo episodio seguì il fallito attentato alla vita di re Umberto I, il primo nella storia della dinastia Savoia, che aveva già scosso profondamente il regno.
L'attentato al re Umberto I aveva generato sentimenti contrastanti in tutta Italia. Da una parte, vi furono cortei di protesta solidali con il Re, dall'altra, vi erano coloro che elogiavano l'attentatore. Questo clima di tensione portò, il giorno successivo, al lancio di una bomba contro un corteo monarchico a Firenze. L'esplosione causò la morte di due uomini e una bambina, e ferì una decina di persone.
L'attentato fu attribuito agli internazionalisti, un gruppo politico che venne accusato di essere responsabile della tragedia. Diverse persone appartenenti a questo movimento furono arrestate, ma vennero successivamente scarcerate per mancanza di prove. Uno degli arrestati, Cesare Batacchi, fu graziato solo il 14 maggio 1900. Secondo alcune interpretazioni, l'arresto di Batacchi e degli altri internazionalisti fu una strumentalizzazione poliziesca per reprimere le associazioni avverse alla monarchia. Questo evento evidenziò le tensioni politiche e sociali dell'epoca, mostrando come la monarchia cercasse di mantenere il controllo in un periodo di crescente disillusione e agitazione.

Altri articoli
Ufficio del Monte Comune
Ufficio del Monte Comune

L'Ufficio era un investimento popolare che serviva per la dote delle figlie delle famiglie meno abbienti.

Quando la terra tremò
Quando la terra tremò

Il terremoto del 1895 scosse Firenze, ma la città si riprese, proteggendo il suo prezioso patrimonio culturale.

Prestanze o accatto
Prestanze o accatto

le entrate che il comune si procurava mediante prestiti richiesti o imposti ai cittadini per sopperire all'insufficienza delle entrate normali.

Agata Smeralda
Agata Smeralda

Il 5 febbraio è cruciale per l'Istituto degli Innocenti a Firenze, marcando l'arrivo nel 1445 della prima bambina, Agata Smeralda.