Le banche cattoliche falliscono allegramente

Le banche cattoliche falliscono allegramente
Dalla rivista satirica "L'Asino" del 1912
In Toscana
Il Vaticano versa un milione e mezzo per salvare la banca del clero in Firenze.

Si ricorderà il famoso crack della Banca del clero di Firenze e gli straschichi che esso provocò (1).
Il  Vaticano entrò nella faccenda ed a evitare scandali incaricò il Banco di Roma a liquidare la Banca soddisfacendo tutti i creditori. Ora la liquidazione è terminata ed il risultato è che il Banco di Roma ha dovuto versare per incarico del Vaticano, oltre un milione e cinquecento mila ai creditori della banca del Clero.
Da molti anni non era capitato di versare una somma così ingente per la cattiva amministrazione di sacerdoti, ma in questa occasione si trattava di salvare l'Arcivescovo di Firenze, monsignor Mistrangelo, il quale esortava il suo clero a fare presso la Banca operazioni e depositi.
Ma difficilmente si ripeterà il caso, poichè, dopo questo Pio X proibì ai sacerdoti di amministrare banche e casse rurali, e comunque prendere parte ad organizzazioni finanziarie.

N.B. L'arcivesco Mistrangelo (2) è quello che a Firenze fa le battaglie contro i caffè concerto. Non sarebbe più opportuno che si occupasse meglio delle banche cattoliche?
(1) La vicenda accadde nel 1903 e si protrasse per anni.
(2) Alfonso Maria Mistrangelo (Savona, 26 aprile 1852 – Firenze, 7 novembre 1930) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico italiano.

 

L'Asino fu una rivista di satira politica che nacque a Roma il 27 novembre 1892, l'anno del primo ministero Giolitti e della costituzione del Partito Socialista Italiano.
La rivista fu ideata da Guido Podrecca, uno studente universitario carducciano, positivista e socialista, e da Gabriele Galantara, ex studente di matematica, disegnatore e pupazzettista geniale, anch'egli socialista. I due assunsero gli pseudonimi di "Goliardo" (Podrecca) e di "Rata Langa" (Galantara), e con questi soprannomi firmarono le uscite del settimanale.

 

Dalla rivista di satira politica L'Asino numero 30 del 20 luglio 1912, pag. 2

 

Rivista di satira politica L'Asino numero 30 del 20 luglio 1912.
Altri articoli
... E luce di candela sia!
... E luce di candela sia!

Sebbene la sua importanza sia diminuita nel tempo, la candela continua a persistere come simbolo di luce e devozione.

Benvenuto Cellini su Ponte Vecchio
Benvenuto Cellini su Ponte Vecchio

Un monumento a Cellini è stato innalzato per celebrare il suo genio e il suo lavoro.

Dai monti a Florentia
Dai monti a Florentia

L'acquedotto romano di Florentia, lungo 16 km, portava acqua dal monte Morello alla città. Resti visibili a Calenzano, Sesto e Firenze.

Quando la palla cadde
Quando la palla cadde

Il 27 maggio 1471 venne posta la palla dorata sulla lanterna di Santa Maria del Fiore, seguita dalla croce il 30 maggio.