Giuliano Vangi

Giuliano Vangi, nato sotto il cielo di Barberino di Mugello il 13 marzo 1931, ci ha lasciato in una silenziosa mattina di marzo a Pesaro, portando con sé un pezzo della storia artistica italiana. La sua scomparsa, avvenuta il 26 marzo 2024, segna la fine di un percorso creativo ricco e variegato, che lo ha visto distinguersi come pittore, scultore e insegnante, lasciando un vuoto incolmabile nel mondo dell'arte.
La sua formazione si svolse tra le aule dell'Istituto d'Arte e dell'Accademia di Belle Arti di Firenze, dove il giovane Vangi iniziò a delineare il suo percorso artistico. Il suo talento lo portò a insegnare a Pesaro dal 1950 al 1959, anni in cui la sua passione per l'arte prese forma e sostanza.
Il 1959 segnò un capitolo importante nella sua vita: il trasferimento in Brasile e l'immersione nell'astrattismo, un periodo di esplorazione e sperimentazione con cristalli e metalli, ferro e acciaio, che arricchì profondamente la sua espressione artistica.
Il suo ritorno in Italia, prima a Varese e poi a Pesaro, lo riportò alla terra che aveva dato i natali alla sua arte. Membro di prestigiose accademie, la sua presenza era riconosciuta e celebrata nel panorama artistico italiano e internazionale. Le sue opere, esposte in sedi di rilievo e accolte in contesti prestigiosi, dal San Giovanni Battista a Firenze alla lupa in Piazza Postierla a Siena, raccontano storie di pietra, marmo e legno, narrando il suo dialogo silenzioso con il sacro e il profano.
La morte lo ha colto in una giornata di marzo, dopo una lunga battaglia con la leucemia, lasciando il mondo dell'arte orfano di uno dei suoi interpreti più sensibili e visionari. La sua eredità, tuttavia, sopravvive nelle sue creazioni, nei monumenti che popolano le città d'Italia e del mondo, testimoni silenziosi di una vita dedicata alla ricerca della bellezza e del significato attraverso l'arte.
Giuliano Vangi, artista della materia e dello spirito, rimarrà per sempre un faro nella notte per chi cerca nella creazione artistica una via per esplorare l'anima umana e il mistero dell'esistenza.

La statua è posta in piazza Santa Maria Soprarno ovvero tra le famose vie, De' Bardi e il Lungarno Torrigiani vicino Ponte Vecchio.
Altri articoli
Iacopo Piccardi chi era costui?
Iacopo Piccardi chi era costui?

Piccardi Iacopo di Zanobi fu uno scultore e architetto attivo nel 500.

Claudia de' Medici
Claudia de' Medici

Fu mecenate delle arti, promosse lo sviluppo economico e culturale del Tirolo, fondando la fiera di Bolzano.

Mario Palazzi Poeta
Mario Palazzi Poeta

Misurava oltre due metri e si diceva che lui avesse ceduto il suo scheletro dopo morto, al Museo la Specola in cambio di un sussidio

Mary Eleanor, preraffaellita
Mary Eleanor, preraffaellita

Ultima erede dei preraffaelliti britannici, la sua straordinaria arte, la sua storia di impegno e dedizione