Cristiano Banti

Cristiano Banti
pittore figurativo di formazione accademica
 

Cristiano Banti

Cristiano Banti, un rinomato pittore toscano del XIX secolo, risiedeva a Firenze e aveva visto la luce il 4 gennaio 1824 a Santa Croce sull'Arno. I suoi primi anni di formazione artistica furono trascorsi a Siena sotto la guida di Nenci, da cui trasse ispirazione per l'arte classica. Questa ispirazione fu chiaramente evidente nel suo primo capolavoro, "Galileo Galilei davanti alla Corte dell'Inquisizione" (vedi Foto 1), che ricevette ampi elogi e lo fece emergere rapidamente come uno dei pittori più insigni della sua epoca.
Tuttavia, Cristiano Banti, nonostante riconoscesse il valore dell'approccio accademico al successo, scelse di abbandonarlo e cercò nuove strade artistiche dopo il suo trasferimento a Firenze. Questo cambiamento radicale comportò la rielaborazione completa della sua produzione precedente, poiché cercava l'ispirazione unicamente nella realtà.
Caratterizzato da una natura insaziabile, creò numerosi quadri ma ne espose solo pochi. Tra questi, spicca "Il ritorno dalla pesca nel lago di Bientina", un'opera straordinaria che mette in luce il suo talento eccezionale. Questo dipinto ritrae cinque o sei pescatori che tornano di corsa in città per condividere il frutto della loro pesca. Altro capolavoro di Banti è una scena che raffigura una ragazza distesa sull'erba, che tira a sé un'anatra, che a fatica batte le ali nel tentativo di liberarsi.
Un'altra notevole opera di Banti, originariamente acquisita dalla Galleria Pisani a Firenze e successivamente venduta a un collezionista straniero a un prezzo considerevole, mostra una ragazza che, mentre sta facendo la calza, tira delicatamente il filo che si era troppo teso a causa delle acrobazie di un gatto con un gomitolo (vedi Foto 2).

Presso lo studio del pittore Butter a Torino, è possibile ammirare un altro gioiello di questo vivace e delicato artista: una giovane donna che sta nutrendo un'anatra. Al momento, Banti sta completando un nuovo quadro intitolato "Le Predone", che raffigura donne che corrono per la campagna rubando ciò che possono trovare.


(1) Cristiano Banti (Santa Croce sull'Arno, 4 gennaio 1824 – Montemurlo, 4 dicembre 1904) è stato un pittore figurativo di formazione accademica, esponente di spicco del movimento dei Macchiaioli toscani. (Treccani)
(2) Francesco Nenci (Anghiari, 1782 – Siena, 1850) è stato un pittore specializzato in pitture a carattere storico.​ (Treccani)
 

Foto 1. Galileo Galilei davanti alla Corte dell'Inquisizione.
Foto 2. Paesana Toscana
Targa in ricordo di Cristiano Banti, Santa Croce sull'Arno (Pisa)
Altri articoli
Allegretti Antonio, scultore
Allegretti Antonio, scultore

Direttore della Accademia di Belle Arti di Carrara, fu scultore di sicuro mestiere, ma di compassata e scolastica freddezza accademica.

Eleonora degli Albizi
Eleonora degli Albizi

Eleonora fu l’amante di Cosimo I de’ Medici e madre di Giovanni. Sposata a forza con Carlo Panciatichi, finì in convento per 56 anni.

Eufrosino della Volpaia
Eufrosino della Volpaia

Eufrosino della Volpaia: un genio del Rinascimento nell'Orologeria, Astronomia e Cartografia! Un vero pioniere!

Fra Paolino da Pistoia
Fra Paolino da Pistoia

Artisticamente si forma nella bottega del padre Bernardino del Signoraccio.