Giano Della Bella

Giano della Bella

Giano della Bella: il paladino dei ceti popolari nella storia fiorentina
La storia di Giano della Bella, nobile ghibellino di Firenze, è un esempio di coraggio e impegno a favore dei ceti più umili della società. Pur appartenendo a una delle antiche famiglie nobili ghibelline, Giano scelse di schierarsi con i guelfi e i ceti popolari della città.
Nel 1292, guidò una rivolta contro i magnati, i nobili che praticavano ingiustizie verso i popolani. Questa ribellione segnò un importante punto di svolta nella storia di Firenze. Tuttavia, fu solo quando Giano divenne priore che poté attuare le riforme necessarie per garantire una giustizia equa.
Giano promulgò gli Ordinamenti di Giustizia nel 1293, una riforma di fondamentale importanza per la Repubblica Fiorentina. Questi provvedimenti escludevano i magnati dal governo cittadino, favorendo l'emergente ceto borghese. Inoltre, si stabilì l'obbligo di iscrizione a un'arte per poter ricoprire cariche politiche.
Nonostante i successi delle riforme di Giano, ci fu ancora una parte della società, il cosiddetto "popolo magro", che rimase esclusa dalla partecipazione politica, poiché non esistevano arti che rappresentassero le loro categorie. Sarà solo con l'arrivo del Duca di Atene nel 1343 che anche queste persone verranno coinvolte nella vita politica della città.
Purtroppo, gli avversari di Giano cercarono di diffamare la sua figura e nel 1295 fu scomunicato da Papa Bonifacio VIII. Costretto ad andare in esilio, si rifugiò in Francia, dove aveva trascorso parte della sua giovinezza. Tuttavia, le tracce di Giano si perdono dopo la sua partenza da Parigi e si presume che sia morto nei primi anni del nuovo secolo, superando i sessant'anni di età.
La figura di Giano della Bella rappresenta un simbolo di lotta per la giustizia sociale e l'uguaglianza nella Firenze medievale. Il suo coraggio e la sua dedizione ai ceti popolari hanno lasciato un'impronta indelebile nella storia della città.

Giano Della Bella (Firenze, seconda metà del XIII secolo – Francia, prima del 19 aprile 1306) è stato un politico italiano, importante figura della Repubblica di Firenze nella seconda metà del Duecento.

 

Giano Della Bella, Personaggio Storico

Altri articoli
Guido Carocci
Guido Carocci

Lo storico fiorentino difese il patrimonio artistico di Firenze, fondò "Arte e storia", e creò il Museo di Firenze antica a San Marco.

Simone Martini, pittore
Simone Martini, pittore

Maestro della scuola senese nel Trecento, fu influenzato da Duccio ma sviluppò una sua intensa originalità nell'uso del colore e delle linee.

Fra Bartolomeo di San Marco
Fra Bartolomeo di San Marco

Furono suoi allievi Cecchino del Frate, Benedetto Cianfanini, Gabriele Rustici, Fra' Paolino da Pistoia e Ridolfo del Ghirlandaio.

Rodolfo Siviero
Rodolfo Siviero

Eroe della salvaguardia artistica lottò contro i nazisti per riportare in Italia opere trafugate, lasciando una enorme eredità culturale.