Giuseppe Conti racconta: Borgo la Croce

Giuseppe Conti racconta "Borgo la Croce"

Giuseppe Conti racconta

Bella ed elegante immagine del 1900/20 di Borgo la Croce, molta differenza rispetto a quella che è diventata negli ultimi anni, anche a scapito di una chiesa come Sant'Ambrogio, insomma fuori dalle mete turistiche poco intelligenti.
Ma come era questa via alla metà dell'ottocento? 
"Quivi erano alcune casette di povera gente, per le quali lo sterrato del vicolo teneva luogo di sala, e di qualche cosa di peggio. Di più c'era una concia, una fabbrica di candele di sego ed una stalla, dove si rimettevan le bufale in giorno di mercato. Passar da quel vicolo e non rimanere ammorbati, poteva ammettersi a un miracolo." Giuseppe Conti, storico fiorentino.
Altri articoli
Da Racconto per Bambini a Capolavoro
Da Racconto per Bambini a Capolavoro

Pinocchio, il manoscritto original,e aveva 23 capitoli con un finale tragico, poi modificato. Il fratello Ippolito distrusse i primi 21 capitoli.

Il grillo di Giovanni Prati
Il grillo di Giovanni Prati

Son piccin cornuto e bruno me ne sto fra l’erbe e i fior...

Un poema goliardico toscano
Un poema goliardico toscano

Parodia umoristica di un processo a un presunto prete pedofilo, usa nomi ironici per personaggi come Don Sculacciabuchi e On. Inculatti.

Pietro di Vinciolo scopre l'amante della moglie
Pietro di Vinciolo scopre l'amante della moglie

Pietro di Vinciolo è omosessuale e per nasconderlo si sposa.