L'incontro
Storia di gioia e speranza


Tanto tempo fa
Era la fine di Aprile a Firenze, e le strade erano già piene di turisti che cercavano di godere del clima mite e dei colori sgargianti della primavera. Anche i fiori cominciavano a sbocciare, e la città sembrava risvegliarsi dopo il sonno invernale.
In un angolo tranquillo del centro storico, c'era una piccola piazza con un antico pozzo al centro, circondato da un muro di pietra. In primavera, il pozzo diventava il luogo di incontro preferito per gli abitanti del quartiere, che si sedevano sui gradini a chiacchierare e godere della brezza fresca.
Un giorno, una giovane artista arrivò in città per partecipare ad una mostra d'arte contemporanea. Non sapeva molto di Firenze, ma fu subito rapita dalla bellezza della città e dal fascino della primavera. Decise di trascorrere qualche ora nella piazza del pozzo, per godere della quiete e del panorama.
Lì, incontrò un anziano signore che sembrava essere lì da sempre. Si sedette accanto a lui e cominciò a parlare del tempo, dei fiori e delle meraviglie di Firenze. L'anziano signore le parlò della sua vita, della sua famiglia e dei suoi sogni, e la giovane artista ascoltava con attenzione, affascinata dalla sua saggezza e dalla sua gentilezza.
Mentre il sole si abbassava sull'orizzonte, l'artista si alzò per andarsene, ringraziando l'anziano signore per il suo tempo e le sue parole.

Ma l'anziano signore le porse un mazzetto di fiori, dicendole: "Prendi questi fiori come simbolo della primavera che ti ho mostrato oggi. Portali con te ovunque tu vada, e ricorda sempre il potere della bellezza e della speranza."
L'artista se ne andò con il cuore pieno di gioia e di gratitudine, e da quel giorno in poi portò sempre con sé quel mazzetto di fiori come simbolo della sua esperienza nella piazza del pozzo di Firenze. E ogni primavera, tornava a Firenze per riprendere il suo posto accanto all'anziano signore, per ascoltare le sue storie e per portare con sé i fiori della speranza e della bellezza.


 

L'incontro. Tra gioia e speranza. di Conosci Firenze
Altri articoli
Domenico Lenzi Il Biadajolo
Domenico Lenzi Il Biadajolo

L'emozione soggettiva invade notazioni commerciali e tabelle monetarie e affianca alle "ragioni di bottega".

Un filosofo in erba di Carlo Collodi
Un filosofo in erba di Carlo Collodi

Quanto al giardinetto, pare un giardinetto vero e proprio; ma, invece, è una felice imitazione del vero. Pochi fiori artificiali... di Carlo Collodi

Camera di Lorenzo il Magnifico
Camera di Lorenzo il Magnifico

Quando il signor Cosimo de' Medici fu diventato Duca di Firenze, gli cominciò ben tosto a parere stretta alla sua maestà la cosa di Via larga, e volle tornare nel palazzo che fu della Signoria...

Calandrino e l'elitropia
Calandrino e l'elitropia

Convinto dell'esistenza dell'elitropia il protagonista finisce deriso. La violenza verso la moglie Tessa rivela gli aspetti misogini dell'epoca.