Il 5 febbraio e la storia dell'Istituto degli Innocenti a Firenze
È una data di grande importanza per l'Istituto degli Innocenti a Firenze, poiché segna l'arrivo della prima bambina accolta nel 1445, secondo il calendario fiorentino dell'epoca. Questo giorno è significativo in quanto rappresenta l'inizio di un lungo percorso di assistenza e cura nei confronti dei bambini più vulnerabili.
La prima bambina accolta nel 1445 presso l'Istituto degli Innocenti fu chiamata Agata Smeralda, come indicato nel "Libro dei fanciugli", un prezioso documento storico che testimonia l'arrivo e l'accoglienza dei neonati presso l'istituzione. Tuttavia, ciò che emerge dai documenti conservati nell'Archivio storico dell'Istituto degli Innocenti è l'esistenza di una seconda Agata Smeralda.

Quattro anni dopo l'arrivo della prima Agata Smeralda, esattamente il 5 febbraio, giorno dedicato a Sant'Agata, una seconda bambina fu lasciata presso l'Istituto. Questo fatto rivela un legame speciale con la prima neonata, poiché alla seconda bambina fu dato lo stesso nome, indicando che il ricordo della prima neonata era rimasto impresso nella memoria di chi registrava gli ingressi dei neonati.
Entrambe le bambine erano prive di segni di riconoscimento, come indicato nel "Libro dei fanciugli". Questo suggerisce che potesse essere prassi comune lasciare un segno di identificazione con i bambini abbandonati, nel caso in cui si volessero successivamente ritrovare. La registrazione nel "Libro dei fanciugli" riporta anche il nome della persona che lasciò le bambine nella pila e cosa avevano con sé, offrendo così uno sguardo prezioso sulla pratica dell'abbandono dei neonati e sulle registrazioni dettagliate che l'Istituto degli Innocenti teneva per preservare la storia di chi giungeva presso di loro.
Questi documenti forniscono non solo informazioni sulla pratica dell'abbandono dei neonati in quel periodo, ma anche un'occasione per riflettere sull'importanza della cura e dell'assistenza verso i bambini più vulnerabili. L'Istituto degli Innocenti ha svolto e continua a svolgere un ruolo cruciale nella tutela e nell'assistenza dell'infanzia, e la storia di Agata Smeralda e di tutti i bambini accolti presso l'istituzione rappresenta un patrimonio inestimabile da preservare e tramandare alle generazioni future.
In conclusione, il 5 febbraio non è solo una data simbolica per l'Istituto degli Innocenti, ma è anche un momento per ricordare il passato e riaffermare l'impegno verso il benessere dei bambini.

Le immagini sopra sono state create con AI


Altri articoli
Il dace prigioniero
Il dace prigioniero

La statua e il basamento del barbaro prigioniero al Giardino di Boboli.

Schegge di parole/1
Schegge di parole/1

Storia, geografia, curiosità. Schegge di conoscenza in un mosaico di sapere e di cose buffe.

Scoppio del Carro origine Longobarda?
Scoppio del Carro origine Longobarda?

Radicato in antiche usanze longobarde, celebra la Pasqua con un'esplosione di fuoco e potrebbe avere origini sorprendenti.

La Colonna di San Zanobi
La Colonna di San Zanobi

Le iscrizioni sulla colonna di San Zanobi sono risultate essere false, dimostrate dalla loro discordia cronologica e dai dati storici.