Vicolo degli Alberighi

Il vicolo degli Alberighi
"simile a un corridoio" (Bargellini-Guarnieri)

 


Questa stretta via prende il suo nome dalla famiglia ghibellina che possedeva diverse proprietà nei dintorni. Oggi, la strada esiste ancora e collega via Sant'Elisabetta a piazza degli Alberighi. In passato, in questa piazza si ergeva la chiesa di Santa Maria degli Alberighi, una delle più antiche di Firenze, tanto che rientrava nel cerchio delle prime mura cittadine.
La famiglia Alberighi, inizialmente di grande importanza, perse rapidamente la sua influenza a causa del suo sostegno alla parte ghibellina. Col tempo, questa famiglia si estinse. La loro fama è confermata da Dante Alighieri, che nella sua opera più celebre menziona:

"Io vidi li Ughi e vidi i Catellini, Filippi, Greci, Ormanni e Alberichi, già nel calare, illustri cittadini." (PARADISO, canto XVI)

Nella piazza degli Alberighi, oltre alla chiesa, si trovava anche un tabernacolo contenente un'immagine dell'Annunciazione. Tuttavia, questa immagine è legata a un oscuro episodio avvenuto il 21 luglio 1501. Si racconta che Antonio di Giovanni Rinaldeschi, uscito un po' brillo dall'osteria del Fico, dove aveva giocato a dadi e perso una notevole somma di denaro, passò davanti al tabernacolo. Accecato dall'ira, iniziò a inveire contro l'immagine sacra. Ma il suo rabbioso gesto non si fermò alle parole: ubriaco, prese del materiale fecale e lo lanciò contro il volto della Vergine Maria Annunziata.
La notizia arrivò subito alle orecchie dei Signori Otto, che ordinarono l'arresto del colpevole. Dopo un rapido processo, Antonio fu defenestrato dalle finestre del Bagello. Il giorno successivo, il suo corpo fu appeso alla bifora di una finestra al primo piano di un palazzo, come monito per tutti coloro che si macchiavano del vizio del gioco. Dopo questo oltraggio, l'immagine fu trasferita all'interno della chiesa di Santa Margherita in Santa Maria dei Ricci, conosciuta anche come la chiesa della Madonna dei Ricci.
Tutta questa storia è rappresentata su un dipinto conservato nel museo "F. Stibbert". Questa tavola è suddivisa in nove riquadri, come se fosse una sorta di "fumetto", che racconta questa singolare vicenda storica.
 

Piazzetta degli Alberighi
Piazzetta degli Alberighi oggi
Vicolo degli Alberighi di Nino della Gatta
 
Madonna Oltraggiata
L'affresco oltraggiato dal Rinaldeschi, ora custodito in chiesa di Santa Margherita
 in Santa Maria dei Ricci.
Quadro dell'affronto del Rinaldeschi
La tavola che riporta la storia di Antonio di Giovanni Rinaldeschi
è conservata al museo Stibbert
Altri articoli
Via dei Leoni a Firenze
Via dei Leoni a Firenze

Questi leoni erano considerati sacri a Marte e simboleggiavano il popolo fiorentino con l'emblema del Marzocco.

Canto dei Nelli
Canto dei Nelli

Il nome della via ricorda la famiglia Nelli e le demolizioni del "piccolo quartiere delle Stimmate" per mostrare la bellezza di San Lorenzo.

Borgo Santa Croce
Borgo Santa Croce

Borgo Santa Croce, un via da carattere popolare a palazzi storici. Nomi come Palazzo Antinori Corsini e Palazzo Vasari raccontano la sua storia.

Via della Stufa
Via della Stufa

Antiche Terme e Bagni Pubblici. Un'atmosfera incantata oramai scomparsa nel centro storico di Firenze.