I tesori della Chiesa di San Lorenzo

Un Tesoro d'Arte nel Cuore di Firenze

- Leggere prima di prenotare
Il biglietto d'ingresso NON è compreso nel costo della visita guidata.
Numero minimo di partecipanti: 5
Durata Visita: 90 minuti
Luogo d'incontro: verrà comunicato con una o più email

Esplora la storia millenaria della Chiesa di San Lorenzo, un luogo intriso di significato e bellezza che ha segnato l'inizio del cristianesimo a Florentia. Per trecento anni, è stata la cattedrale di Firenze, un simbolo di fede e devozione. Solo la Chiesa di Santa Reparata ha potuto prendere il suo posto. L'imponente riconsacrazione della chiesa da parte di Papa Niccolò II nel XI secolo sottolinea la sua importanza storica. Successivamente, Giovanni di Bicci dei Medici decise di trasformarla nella chiesa e nel mausoleo di famiglia, avviando un'epoca di splendore artistico e architettonico.

Il genio di Filippo Brunelleschi si fa strada nella ristrutturazione della chiesa, mentre le famiglie fiorentine più illustri si fanno avanti per finanziare le magnifiche cappelle laterali. Anche se la facciata rimane incompiuta, l'interno della chiesa offre uno spazio sereno e armonioso che custodisce alcune delle opere d'arte più celebri al mondo.
Sculture di maestri come Donatello, Michelangelo e Bronzino colpiscono gli occhi e l'anima dei visitatori, mentre il progetto architettonico di Brunelleschi, la Sagrestia Vecchia, i pulpiti e le affascinanti pale d'altare raccontano storie di fede e genialità artistica.
Ogni angolo custodisce un tesoro d'arte, rendendo questa chiesa una delle mete imprescindibili per gli amanti dell'arte e della storia. Scopri la magnificenza di San Lorenzo, un luogo che incanta e affascina i visitatori con la sua ricchezza artistica e spirituale.
Unisciti a noi in un viaggio indimenticabile nella storia e nell'arte di una gemma nel cuore di Firenze.

Richiedi Informazioni per questa visita
Codice Captcha

Non vedi l'immagine? clicca qui


Potrebbe interessarti anche...

Anselm Kiefer
Chiesa di Orsanmichele
Sinagoga di Firenze