Un Visionario delle Arti

Baldomer Gili i Roig, nato il 19 ottobre 1873 a Lleida e scomparso il 31 dicembre 1926 a Barcellona, è stato un pittore, disegnatore e fotografo spagnolo. Figlio di un insegnante e editore, Baldomer crebbe in un ambiente familiare culturalmente stimolante. Suo fratello, Gustau (Gustavo, 1868–1945), fondò la Editorial Gustavo Gili, una delle principali case editrici spagnole.
Nel 1882, la famiglia Gili i Roig si trasferì a Irun, dove Baldomer iniziò a studiare arte con José Salís Camino, un pittore marino e seguace di Camille Corot. Sei anni più tardi, la famiglia fece ritorno a Barcellona, dove Baldomer si iscrisse all'Escola de la Llotja e venne influenzato dallo stile luminoso dei Sorollistas (1).
Nel 1890, decise di trasferirsi a Madrid per frequentare l'Escuela Especial de Pintura, Escultura y Grabado, dove studiò sotto la guida di Alejo Vera, da lui molto ammirato. Nel 1897, spinto dal desiderio di approfondire i suoi studi, si recò a Monaco per frequentare l'Accademia di Belle Arti, ma dovette fare ritorno in patria l'anno successivo a causa della crisi politica scatenata dall'inizio della guerra ispano-americana. Nel 1899, tenne la sua prima mostra personale alla Sala Parés.
L'anno seguente, espose per la prima volta nella sua città natale e, grazie al sostegno di Jaume Morera, ricevette una borsa di studio dal governo locale per studiare in Italia. Inizialmente, visse in un monastero cappuccino vicino a Roma, a Frascati, poi nella Villa Strohl Fern all'interno di Villa Borghese, fermandosi qualche giorno a Firenze. Durante questo periodo, inviò dipinti a Lleida per dimostrare di adempiere alle condizioni della borsa di studio e partecipò a una mostra a Parigi. Nel 1901, prese parte alla Esposizione Nazionale di Belle Arti.
Dopo quattro anni, tornò a Barcellona dove, oltre a dipingere, fornì illustrazioni per diverse importanti pubblicazioni, tra cui L'Esquella de la Torratxa. Molti dei suoi disegni furono firmati con lo pseudonimo "L'Alegret", forse in riferimento ad Alegret, il trovatore guascone. Si cimentò anche nella drammaturgia: nel 1909, il Teatre Apolo mise in scena la sua commedia musicale "La Canción de la Ninfa", scritta sotto lo pseudonimo "Emilio Roig" e musicata da Pedro Enrique de Ferrán. Appassionato di fotografia, Baldomer documentò con la sua macchina fotografica i luoghi e le persone della sua vita, producendo oltre mille lastre di vetro, che i suoi discendenti donarono nel 2009 al Museu d'Art Jaume Morera, museo che aveva aiutato a organizzare.
Negli anni seguenti, continuò a esporre frequentemente in Europa e Sud America, visitando Buenos Aires e Montevideo nel 1925. Morì di polmonite alla fine del 1926.

(1) Joaquín Sorolla y Bastida (Valenciano: Joaquim Sorolla i Bastida, 27 febbraio 1863 - 10 agosto 1923) è stato un pittore spagnolo. Sorolla eccelleva nella pittura di ritratti, paesaggi e opere monumentali su temi sociali e storici. Le sue opere più tipiche sono caratterizzate da una rappresentazione abile delle persone e del paesaggio sotto la luminosa luce del sole della Spagna e delle acque illuminate dal sole.


Altri articoli
Nello Piccoli
Nello Piccoli

Custode della memoria, il suo legato è un richiamo alla perseveranza nella lotta per un mondo migliore. Fondò del "Circolo di cultura" di Firenze.

Sguardi perduti nel tempo
Sguardi perduti nel tempo

Esploriamo la Firenze del XIX secolo attraverso gli occhi di František Krátký, con fotografie straordinarie che rivelano il fascino del passato.

La Contessa di Castiglione
La Contessa di Castiglione

Virginia Oldoini fu una bellezza magnetica e misteriosa del Risorgimento. Sedusse Napoleone III e influenzò la politica italiana.

Arnolfo di Cambio
Arnolfo di Cambio

L'architetto che ha plasmato il volto di Firenze.