Firenze in tasca, ovvero una gita di piacere... nel 1867
Avvertenze e consigli e Indicazioni utilissime

Download Free in PDF
 

Arrivo. — È sempre un felice momento, specialmente dopo un lungo viaggio di sentir mormorare a noi vicino: — Fra pochi minuti saremo al termine del viaggio!... Ecco la stazione!....oh! eccoci arrivati. — I viaggiatori più assuefatti han già riparato al disordine delle loro vesti, preparati i biglietti e guardato accuratamente se nulla fu dimenticato dei piccoli oggetti che purtroppo uno è obbligato a portar seco in vagone. Compite queste prime cure, e sceso a terra, uscite dalla stazione ed andate ad attendere che si apra  l'uffizio ove si restituiscono i bagagli; offrite il vostro scontrino ed osservate se avete il numero di tutti i bauli, onde reclamare al bisogno prontamente. — Siete solo o avete poco bagaglio? Prendete una vettura e fatevi accompagnare all'albergo che preventivamente avete scelto.
Avete famiglia e molti bauli? Allora ricuperati che li avrete, consegnateli al Capo dei facchini, vestiti con blouse turchina e con una placca di metallo, ove è inciso
un numero, sul braccio sinistro, fissando anticipatamente il prezzo di trasporto, che non oltrepassa i cent. 30 per collo. Sta in voi economizzare in questo contratto. Accompagnate pure se volete il facchino, quantunque se gli direte il nome dell'albergo ove intendete di andare, potete esser certo che il vostro equipaggio sarà portato all'indirizzo che gli avrete dato. Il numero che lo distingue vi serve di garanzia. Eccovi la tariffa delle vetture.
Dalla Stazione a domicilio. . . . » L. — 80
Bauli e casse . . . . . . . . . . . . . »  L. — 50

Valigie e sacche grandi . . . . .  » L. — 25

Gli alberghi principali hanno un Omnibus, che si trova ad ogni arrivo del vapore; e comodissima cosa e risparmia qualche disturbo, poiché carica sull' imperiale tutti i vostri bagagli. — Non vi dimenticate che prima di uscire dalla Stazione dovete subire la visita daziaria*, per cui se avete qualche cosa che possa esser soggetto a dazio, dichiaratelo onde sfuggire alla persecuzione delle guardie, che non è la minore delle tante piaghe che tormentano il viaggiatore.

*Queste piccole vessazioni, queste noie cui è soggetto il viaggiatore, si spero che col tempo scompariranno, come sono state abolite in tutti i paesi bene ordinati.
 

Download Free in PDF

 


 

Altri articoli
I Misteri di Firenze di Carlo Collodi
I Misteri di Firenze di Carlo Collodi

Carlo Lorenzini, noto come Collodi, fu più di Pinocchio. Giornalista, traduttore, autore di "I misteri di Firenze," sfida l'idea di mistero.

Il cavadenti ciarlatano
Il cavadenti ciarlatano

La piazza la prendevano i dentisti ed i ciarlatani di lusso, che venivano da fuori di Firenze.

-Eva- di G. Verga
-Eva- di G. Verga

Dove l'amore e l'arte si fondono nella vibrante Firenze ottocentesca, raccontando la lotta per i sogni forse non realizzati.

Il foresto e il fiorentino
Il foresto e il fiorentino

Uno straniero pensa che i canottieri siano inglesi, ma un fiorentino lo corregge. L'inglese, divertito, se ne va umoristicamente sconfitto.