Giuseppe Conti racconta: Borgo la Croce

Giuseppe Conti racconta "Borgo la Croce"

Giuseppe Conti racconta

Bella ed elegante immagine del 1900/20 di Borgo la Croce, molta differenza rispetto a quella che è diventata negli ultimi anni, anche a scapito di una chiesa come Sant'Ambrogio, insomma fuori dalle mete turistiche poco intelligenti.
Ma come era questa via alla metà dell'ottocento? 
"Quivi erano alcune casette di povera gente, per le quali lo sterrato del vicolo teneva luogo di sala, e di qualche cosa di peggio. Di più c'era una concia, una fabbrica di candele di sego ed una stalla, dove si rimettevan le bufale in giorno di mercato. Passar da quel vicolo e non rimanere ammorbati, poteva ammettersi a un miracolo." Giuseppe Conti, storico fiorentino.
Altri articoli
Lena, Nunzia e la sora capitale
Lena, Nunzia e la sora capitale

Divertente chiacchierata tra due donne su chi è la sora capitale e quando porterà a ciascun fiorentino un vestito nuovo e pagherà anche i loro debiti. Ma una di loro è una "gran caca dubbi", almeno all'inizio

Segreti Sotto il Ponte/6
Segreti Sotto il Ponte/6

Viene scoperto un tesoro nascosto, rivelando dei segreti inediti sui Medici ma ci sono anche antichi passaggi segreti.

La Villa degli Alighieri
La Villa degli Alighieri

L'antico Osservatore ci Parla della Villa degli Alighieri oggi Villa il Garofano.

Dirudina, il calzolaro giustiziere
Dirudina, il calzolaro giustiziere

Mi piacerebbe presentarvi un uomo, fra i pochi, che non è stato mai cattivo con me; un giorno sparì e rividi solo le sue interiora, i suoi “quarti”, i quali rimasero attaccati ai pali ed al canto del Mercato Nuovo