Il Canto dell'Acquavite

Il Canto dell'Acquavite
Giuseppe Conti (Firenze vecchia, cap. XXVII), 1899

[...] "Dalla farmacia Forini - di cui anch’oggi si ammira il cartello intagliato dal Duprè - fino alla cantonata di Calimaruzza, tutte le mattine si mettevano in fila i muratori senza lavoro, aspettando che qualcuno andasse a cercarli per prenderli a giornata; e quel pezzo di strada si chiamava il Canto dell’Acquavite; perchè quei muratori mentre aspettavan di lavorare, per non render conto a Dio dell’ozio, ogni poco andavano da un droghiere che c’era sulla cantonata di Condotta a prendere un bicchierino.
Di qui nacque il dettato che quando un lavorante era a spasso, si diceva che era sul «Canto dell’acquavite.» Ma su quel canto ci andavano anche coloro che la bastonavano la voglia di lavorare" [...]
 

 


L'acquavite è una probabile invenzione del medico Michele Savonarola da Padova (1), vissuto nella seconda metà del XV secolo e che introdusse la prima apparecchiatura per la produzione di un'acquavite distillata dal vino.
La bevanda alcolica venne identificata con la quintaessenza dell'uva e, dal momento che l'uva era collegata al sole e che il sole era considerato fonte primaria di vita, il distillato venne chiamato aqua vitae, acqua della vita. Era considerata un vero toccasana, efficace contro le malattie.


(1) Giovanni Michele Savonarola (Padova, 1385 – Ferrara, 1468) è stato un medico, umanista e scienziato italiano.
Medico tra i più famosi del Quattrocento, fu professore all'Università di Padova e all'Università di Ferrara. È il nonno del frate domenicano Girolamo Savonarola.


 

Altri articoli
Giuseppe Conti racconta: Borgo la Croce
Giuseppe Conti racconta: Borgo la Croce

Bella ed elegante immagine del 1900/20 di Borgo la Croce.

Il tunnel dimenticato/7
Il tunnel dimenticato/7

La nostra indomita famiglia scopre segreti sotto Firenze, sfida una società segreta e trova alleati per rivelare la verità storica nascosta.

Inondazione a Firenze del 1864
Inondazione a Firenze del 1864

L'alluvione di Firenze del 1864 fu l'ultimo straripamento dell'Arno che colpì il capoluogo toscano ed i suoi dintorni prima della più celebre del 4 novembre 1966.

Le indagini dell'ispettore Lucertolo
Le indagini dell'ispettore Lucertolo

Lucertolo cercò di aprire le labbra della vittima. Esse erano rigide, chiuse, contratte...