Miniera di Caporciano

Miniera di Caporciano
"Tu sei il mio Dio, e nelle tue mani c’è la mia sorte"

La miniera di Caporciano, situata in Toscana, ha una storia ricca e complessa. Sebbene si ritenga che le sue mineralizzazioni fossero sfruttate fin dall’epoca etrusca, le prime notizie documentate risalgono al XV secolo. Nel 1469, l’orafo fiorentino Bartolomeo di Agostino ottenne una concessione di ricerca, che fu presto ceduta a una società di esponenti politici ed economici fiorentini. Dal 1478, la gestione passò ai Marinai di Prato.
Nel XVI secolo, i Medici commissionarono diverse ricerche minerarie sul giacimento di Caporciano. Alla fine del secolo, la miniera era oggetto di intensa attività e grandi aspettative. Tuttavia, l’epidemia di peste del 1630 interruppe l’attività mineraria. Negli anni successivi, un tentativo di riavvio dei lavori culminò in una tragedia causata dal crollo di un pozzo, noto come “Buca di Nardone”, in cui perirono molti operai.
I lavori ripresero solo a metà del XVII secolo, grazie a diversi imprenditori livornesi. Nonostante saggi e prospezioni incoraggianti, i risultati furono scarsi.
I minatori entravano nella cava in squadra e lasciavano la loro medaglia con il nome e la matricola vicino alla porta d’ingresso. In questo modo, se qualcuno non tornava, si sapeva chi inviare per i soccorsi. La vita in miniera era pericolosa e molti minatori persero la vita.
 

Miniera di Caporciano con #ConosciFirenze
La miniera di Caporciano è una miniera di rame, ubicata a circa un chilometro dall'abitato di Montecatini Val di Cecina (PI)
Miniera di Caporciano con #ConosciFirenze
“Tu sei il mio Dio, e nelle tue mani c’è la mia sorte“: questa targa sta sopra la porta di ingresso della miniera.
Miniera di Caporciano con #ConosciFirenze
Due martelli incrociati con dietro lo Specchio di Venere, in onore all’Isola di Cipro
dove i romani iniziarono a estrarre il rame (il nome latino infatti è Cuprum) e nelle cui acque sarebbe nata la dea. 
Miniera di Caporciano con #ConosciFirenze
Ingresso alla struttura mineraria 
Miniera di Caporciano con #ConosciFirenze
Miniera di Caporciano con #ConosciFirenze
Piazzale della Miniera 
Miniera di Caporciano con #ConosciFirenze
Alcuni attrezzi da minatore 
Miniera di Caporciano con #ConosciFirenze
Miniera di Caporciano con #ConosciFirenze
Miniera di Caporciano con #ConosciFirenze
Le armature in ferro vengono chiamate "pancia della balena" 
Miniera di Caporciano con #ConosciFirenze
La Guardiola 
Miniera di Caporciano con #ConosciFirenze
Opera che celebra una famiglia di minatori della Miniera di Caporciano
Altri articoli
Le buchette del vino
Le buchette del vino

Oggi, restaurate, sono icone culturali, funzionano come distributori di vino soprattutto ai turisti, preservano però l'antica tradizione.

Fiorentini ciechi e pisani traditori
Fiorentini ciechi e pisani traditori

La rivalità storica tra Firenze e Pisa è alimentata da un antico inganno: le colonne in porfido offerte dai pisani a Firenze si rivelarono opache.

Tettoia dei Pisani
Tettoia dei Pisani

Sulla Piazza della Signoria, di fronte a Palazzo Vecchio esisteva la Tettoia.

L'archetipo del calciatore moderno
L'archetipo del calciatore moderno

Nonostante i cambiamenti nel comportamento dei calciatori moderni, la passione per le auto sportive rimane un punto di incontro tra le generazioni.