Veduta di Firenze del 1352

Veduta di Firenze del 1342/1352
Commento di Corrado Ricci del 1906

Veduta di Firenze del 1352, frescata ai piedi di una figura simbolica della Misericordia nella sala del Commissario del Bigallo, ora del Consiglio. Oggi nell'iscrizione si legge la data 1342 ma per alterazione di qualche restauratore, poiché gli storici riferiscono d'accordo il 1352.
È inutile dire che ci vediamo d'innanzi una veduta sommaria, nella quale sono riprodotti i principali edifici, e i vani, fra di loro, riempiti di poche e minori costruzioni che possono dare un' idea del tipo architettonico predominante, ma non di singole e speciali fabbriche. Anzi, nemmeno sull'ubicazione e sull'aspetto preciso degli edifici principali è da far conto, poiché, spesso, chi guarda è costretto a lavorar d'induzioni pel riconoscimento di quelli meno caratteristici. Ad ogni modo a noi è parso interessante riprodurla come saggio e su tutto perchè il
Battistero e il Duomo vi sono ritratti con relativa accuratezza, e il Duomo si mostra con parte della facciata in seguito demolita e col campanile rimasto all'altezza cui l'aveva condotto Andrea Pisano, morto nel 1348. Di questa veduta Vincenzo Borghini (1) produce una copia in un ms. di sue Memorie e Notizie di Antichità (Bibl. Nazionale, classe XXV, 551 — già Strozziano, 828).

 

La "Madonna della Misericordia" è situata all’interno della "Sala dei Capitani" della Loggia del Bigallo
 
(1) Vincenzo (o Vincenzio) Maria Borghini (Firenze, 29 ottobre 1515 – Firenze, 15 agosto 1580) è stato un filologo e storico italiano, attivo a Firenze alla corte di Cosimo I de' Medici e di suo figlio Francesco I. 
Altri articoli
Gli Spazzaturai
Gli Spazzaturai

La pulizia delle strade, finché poi non fu data in appalto, si faceva dai forzati, che con la catena al fianco, legati a coppia...

La Villa degli Alighieri
La Villa degli Alighieri

L'antico Osservatore ci Parla della Villa degli Alighieri oggi Villa il Garofano.

Salimbene e gli scherzi
Salimbene e gli scherzi

L'autore evidenzia l'umorismo fiorentino, rivelando la persistenza di tradizioni scherzose già otto secoli fa.

Giuseppe Conti e piazza del Granduca
Giuseppe Conti e piazza del Granduca

La piazza fu definita a partire dal tardo XIII secolo in stretto rapporto con il cantiere del palazzo dei Priori.