Porta a Pinti
Veduta esterna

Tratto da Catalogo di Illustrazione Storica della Collezione N. 120 dipinti a olio su tela, Fabio Borbottoni, Firenze, 1895.

 
"Questa porta che in antico chiamavasi Porta Fiesolana, fu costrutita nel 1284 col disegno di Amolfo di Lapo, Era alta metri 35.40 pari a braccia. 60 circa, nell'interno era decorata di un affresco di forma semicircolare rappresentante la Beata Vergine con diversi santi, dipinto da Bernardo Daddi.
Appena usciti da detta porta e oltrepassato il tabernacolo dipinto da
Andrea del Sarto che esisteva po co distante, si presentava il luogo ove prima ergevasi il rinomato Convento dei Gesuiti detto dei Pentiti di S. Giusto alle Mura, così chiamato perché si vuole che fosse eretto sulle mura dell'antico Castello di Mugnone fatto edificare dal buon Desiderio ultimo Re dei Longobardi, per ricovero dei Fiesolani ed Arnicoli che sdegnavano di coabitare coi di lui sudditi, e lo abbandonarono soltanto per ridursi in città allorché Carlo Magno vincitore dei Longobardi fece racchiudere nell'anno 774 in più esteso cerchio di mu ra la città di Firenze.
La Porta a Pinti fu affatto demolita nel 1865-66 quando furono atterrate le mura per la costruzione del gran Viale che quasi circonda la città di Firenze. E giacché fu trovato il modo di rispettare tutte le porte, per la memoria storica, sarebbe stato bene conservare anche quelle Guelfa e Pinti."


 
Fabio Borbottoni: Descrizione della firenze scomparsa
Altri articoli
I Misteri di Firenze di Carlo Collodi
I Misteri di Firenze di Carlo Collodi

Carlo Lorenzini, noto come Collodi, fu più di Pinocchio. Giornalista, traduttore, autore di "I misteri di Firenze," sfida l'idea di mistero.

Lena, Nunzia e la sora capitale
Lena, Nunzia e la sora capitale

Divertente chiacchierata tra due donne su chi è la sora capitale e quando porterà a ciascun fiorentino un vestito nuovo e pagherà anche i loro debiti. Ma una di loro è una "gran caca dubbi", almeno all'inizio

Il fattaccio del 5 gennaio 1594.
Il fattaccio del 5 gennaio 1594.

Cosicché, queste due befanate che andarono a finir male, diventaron famose; e servirono di ammaestramento per l'avvenire.

Pietro di Vinciolo scopre l'amante della moglie
Pietro di Vinciolo scopre l'amante della moglie

Pietro di Vinciolo è omosessuale e per nasconderlo si sposa.