Il Tempo è rappresentato in vari modi nell'iconografia. Può apparire come un vecchio barbuto e alato che regge una falce, una clessidra e una roncola, oppure come un anziano appoggiato a una stampella. L'iconografia del Tempo ha origine nella sovrapposizione medievale di due divinità anticamente distinte: Crono, il padre di Zeus, e Chronos, il dio greco del tempo.
Crono (Saturno per i Romani) rappresenta l'immutabilità e l'irreversibilità degli eventi. È il principio cosmico che si oppone al divenire dell'universo e viene raffigurato nell'atto di divorare i propri figli. La sua evirazione e l'esilio ai confini settentrionali del mondo esprimono l'inevitabile costituirsi di un nuovo ordine cosmico.
Nel Medioevo, attraverso le illustrazioni del "De universo" di Rabano Mauro, del "De civitate Dei" di sant'Agostino, dell'"Ovide moralisé" e del "Fulgentius metaforalis", Crono viene gradualmente identificato con la Sapienza. Questa trasposizione godrà di straordinaria diffusione nel Rinascimento, quando il neoplatonismo fiorentino e la tradizione alchemica faranno di Saturno la più alta manifestazione del pensiero.
Come ministro della Morte, alla quale fornisce le vittime predestinate, il Tempo può essere rappresentato sotto le spoglie di un demone dai denti di ferro, ritto in mezzo a rovine o a paesaggi aridi e desolati. Come padre della Verità, nella positiva funzione di "rivelatore", è raffigurato sullo sfondo di numerose allegorie moraleggianti e nell'atto di tagliare le ali a Cupido. Come dio del temperamento melanconico, è spesso dipinto nelle vesti di san Girolamo in meditazione.

 

Derivazione del nome:
Dal latino medievale "ternps", la cui radice significa "tagliare". Il termine indica una delle caratteristiche principali del Tempo, quella di mietere le ore dell'esistenza terrestre.
Origine del simbolo:
Deriva dalla fusione, avvenuta in epoca medievale, tra Crono (il padre di Zeus) e Chronos (il dio del Tempo).
Caratteristiche:
Come principio distruttore: È il simbolo della caducità di ogni cosa.
Come divinità benefica: Contribuisce al trionfo della verità e dell'innocenza contro le insidie della calunnia e del vizio.
Tradizioni religiose e sapienziali:
Ermetismo
Astrologia
Neoplatonismo
Divinità e simboli correlati:
Chronos
Crono (Saturno)
Giano bifronte
Morte
Melanconia

Cliccare sull'immagine per la descrizione.


Altri articoli
Visione Cosmologica
Visione Cosmologica

La basilica di San Miniato simula la Porta Celeste, evidenziando l'interconnessione tra fede, filosofia e scienza nel pensiero medievale.

Il Cielo
Il Cielo

l'immagine della coppa celeste, associata alle quattro parti del cielo, è un mito che poeti vedici e il popolo condividono.

Gli Alchimisti
Gli Alchimisti

L'alchimia è un antico sistema filosofico esoterico che si espresse attraverso il linguaggio di svariate discipline.

Misteri Isiaci
Misteri Isiaci

Questi Misteri, celebrati con dramma, formarono filosofi e grandi uomini, illuminando le menti e sollevando dall'oscurità delle superstizioni.