Primary Menu
  • Pavimenti In Legno Taddeo
  • Park2Go
  • Apartments Florence

Girolamo Segato, Pietrificatore

GIROLAMO SEGATO (1792-1836)
"Io che pietrifico le membra altrui, dovrò andare in putrefazione."
Girolamo Segato
Girolamo Segato di Gino Pieri
GIROLAMO SEGATO (1792 - 1836). 
Belluno, Ist. Veneto di Arti Grafiche, 1936. Pubblicato a cura del Municipio di Belluno nel primo centenario della morte, questo omaggio a G. Segato ne ritrae la figura in tutte le manifestazioni della sua multiforme attivita'; famoso per aver scoperto la cosiddetta pietrificazione dei cadaveri, lo vediamo volta a volta naturalista e archeologo, geografo e chimico, esploratore e filologo, incisore, scienziato ed artista. Arricchito da 18 tavole fotografiche.
Girolamo Segato fu uno scienziato e ricercatore molto più simile ad un Indiana Jones ante-litteram che al classico scienziato in veste bianca e stetoscopio in tasca. Personaggio insofferente agli studi scientifici classici cominciò a viaggiare per il mondo. Non bisogna dimenticare che nel 1798 Napoleone, organizzando la grande spedizione in Egitto con al seguito i più brillanti geologi, archeologi e letterati del periodo aveva creato il brivido e la suggestione dell'oltretomba egizio, per il ritrovamento di molte mummie con un considerevole numero di anni. A questo fascino non si sottrasse ovviamente il nostro eroe che, raggiunta l'età per viaggiare partì per l'Egitto e li visse per diversi anni anche rischiando la vita con le tribù arabe che assaltavano le spedizioni che esploravano l'interno del paese. Rischiò la morte per essere stato morso da un serpente mentre riposava in una antichissima tomba egizia. 
Preparati di Girolamo Segato nel Museo di Anatomia Normale dell'Università di Firenze
Preparati di Girolamo Segato nel Museo di Anatomia Normale dell'Università di Firenze
Serie di reperti di Segato
Reperti di Girolamo Segato conservati al Museo Anatomico di Firenze
Dopo queste ed altre avventure tornò in Europa e decise di stabilirsi a Firenze, qui decide lasciare i panni di Indiana Jones e dedicarsi allo studio della pietrificazione. Diviene amico della famiglia Rossi e conobbe Isabella la donna che ricevette in regalo due pesciolini pietrificati col metodo da lui inventato(?) e in seguito due gocce de proprio sangue pietrificato. Le autorità mediche - sanitarie di Firenze ed i docenti di Anatomia gli negano qualsiasi aiuto per reperire materia da pietrificare giudicando i suoi studi contrari ad ogni etica professionale. Anche il clero è contro il Dr. Segato perché secondo il dogma "polvere sei e polvere ritornerai" gli nega qualsiasi appoggio.
Teca contenente 14 preparati non identificabili, eccetto che una curiosa fettina di salame in ottimo stato di conservazione.
Teca contenente 14 preparati non identificabili, eccetto che una curiosa fettina di salame in ottimo stato di conservazione.
Oggetto intarsiato con 214 pezzi anatomici pietrificati, di cui solo alcuni forse identificabili dal punto di vista istologico, come un piccolo rene, un quadrato di pelle ed un piccolo piatto tibiale con menischi.
Oggetto intarsiato con 214 pezzi anatomici pietrificati, di cui alcuni forse identificabili, come un piccolo rene, un quadrato di pelle ed un piccolo piatto tibiale con menischi.
Questi ostacoli non compromettono la sua fama e fra il 1832 e il 1836 paesi come la Francia, Russia e America richiedono i sui servigi ma lui sempre rifiuta dicendo "la mia seduttrice mi tien forte" alludendo alla Firenze della gente comune non certo quella dei politici. Morirà poverissimo e verrà sepolto nella chiesa di Santa Croce a Firenze portando con se il segreto della mummificazione. I suoi lavori vennero deposti nel Museo Fisiologico dell'Ospedale di S. Maria Nuova prima della sede definitiva nel Museo delle Scienze di Firenze. Sfortunatamente l'alluvione del 1966 si è portata via, insieme a le altre cose, la collezione Segato.
Girolamo Segato
Girolamo Segato in un disegno dell'800
#FPC.

Banner Pubblicitario