"De Re Coquinaria" è un famoso testo di cucina antica, spesso attribuito a Marco Gavio Apicio (1), un gastronomo forse etrusco - romano vissuto nel I secolo a.C. Quest'opera, nota anche semplicemente come "Apicio", rappresenta una delle più antiche raccolte di ricette della storia culinaria occidentale, offrendo uno sguardo prezioso sull'alimentazione e le abitudini culinarie dell'antica Roma.
Il libro è strutturato in vari capitoli, ognuno dedicato a differenti tipi di pietanze o metodi di preparazione, inclusi piatti a base di cereali, verdure, carne e pesce, oltre a salse e dolci. "De Re Coquinaria" non è solo una raccolta di ricette, ma anche un documento culturale che rivela molto sullo stile di vita, le classi sociali e le tradizioni dell'epoca romana.
Le ricette sono descritte in modo conciso, spesso senza specificare quantità o tempi di cottura, il che suggerisce che fossero indirizzate a cuochi già esperti. Inoltre, il testo riflette l'ampio uso di ingredienti esotici e spezie, testimoniando la ricchezza e la varietà del commercio romano e il gusto dell'elite per i sapori raffinati e sofisticati.
"De Re Coquinaria" è sopravvissuto fino ai nostri giorni grazie a copie manoscritte medievali, che hanno permesso agli studiosi di ricostruire e studiare le tradizioni culinarie romane. Le sue ricette continuano a essere sorgente di ispirazione per cuochi e appassionati di storia culinaria, e rappresentano un ponte affascinante verso la comprensione della vita quotidiana nell'antica Roma.

(1) Apicio (... – I secolo a.C.) è stato un antico Romano, vissuto negli anni 90 del I sec. a.C., famoso per aver superato tutti i suoi contemporanei in spese senza freni.


Le immagini, compresa quella di copertina, sono state create con l'IA

Altri articoli
Passeggiata su Lungarno Corsini
Passeggiata su Lungarno Corsini

L'antico Osservatore passeggia su Lungarno Corsini con il signor Bissi. Cosa avrà da raccontarci di intereesante?

I Misteri di Firenze di Carlo Collodi
I Misteri di Firenze di Carlo Collodi

Carlo Lorenzini, noto come Collodi, fu più di Pinocchio. Giornalista, traduttore, autore di "I misteri di Firenze," sfida l'idea di mistero.

Ritorno a casa, Firenze
Ritorno a casa, Firenze

Sono divenuto impaziente vorrei avere le ali ai piedi il treno fila via veloce, ma a me sembra che vada troppo piano.

Da Racconto per Bambini a Capolavoro
Da Racconto per Bambini a Capolavoro

Pinocchio, il manoscritto original,e aveva 23 capitoli con un finale tragico, poi modificato. Il fratello Ippolito distrusse i primi 21 capitoli.