Grotta di Cupido

Grotta dì Cupido
Parco di Pratolino



Costruita dal Buontalenti nel 1577, è una grotta artificiale decorata esteriormente e internamente da spugne e stalattiti in cui erano celati una serie di giochi d'acqua - tra cui un cupido in bronzo destinare a bagnare e divertire i visitatori. Mantiene la struttura ma le decorazioni e le sculture che le ornavano sono da tempo scomparse. 


 

Cenni storici
Gigante dell'Appennino
Grotta di Cupido

Ingresso della Grotta di Cupido al Parco di Pratolino

 

Tratto da Cesare Da Prato, Firenze ai Demidoff, Pratolino e S. Donato, relazione storica e descrittiva, Firenze, Pia Casa del patronato, 1886

Invece di andare ai tonfani, al pescaione e al mulino volgenti al mezzogiorno, seguiremo il viale che si dilunga in senso opposto, finché si giunge alla grotta di figura rotonda, sormontata da un tempietto, e adorna esteriormente di spugne lavorate in varie guise, e delle statue che le stanno ai lati. È la grotta di Cupido, dove la rozzezza dei materiali forma una bellezza molto rara. Badiamo bene ai tradimenti che fa l'acqua, cominciando dai tre scagliani pei quali si va dentro: accavalciato il primo, e messo il piede sul secondo, ecco dagli stipiti di questo due grossi fili d'acqua che ci schizzano nel viso; com'è naturale, andando d'un balzo sul terzo, facciamo sì che le aperture del secondo si chiudono per mezzo d'uno scatto, ed avrà un bel diventar pazzo quell'infradiciato che voglia star lì a cercare di scoprir quel gran mistero cui deve l'abbondanza d'acqua che contro sua voglia gli convien portare addosso. Non monta l'adirarsi; tutto è per ischerzo, e i permalosi stiano a casa.

(Seguendo il viale che si estende in direzione opposta, ti condurrà fino a questa grotta dalla forma rotonda, sovrastata da un incantevole tempietto e decorata con spugne lavorate in vari modi, insieme alle statue che le fanno da cornice. La bellezza di questa grotta risiede proprio nella sua semplicità e nella rozzezza dei materiali, creando un'atmosfera unica e straordinaria
Ma attenzione agli scherzi che l'acqua riserva! Appena si varcano i tre gradini per entrare, sorge la sorpresa: mentre si pone il piede sul secondo gradino, due potenti getti d'acqua spruzzano in viso. Naturalmente, con un balzo sul terzo gradino, si fa in modo che le aperture del secondo gradino si chiudano con uno scatto. È un vero spasso vedere i visitatori intraprendenti cercare di scoprire questo grande mistero e finire bagnati contro la loro volontà. Ma non temere, tutto è fatto per divertimento e non c'è nulla di cui preoccuparsi. Solo i più permalosi dovrebbero rimanere a casa! )
 

Interno della Grotta di Cupido al Parco di Pratolino

Entrati nella grotta, ecco sopra una pila di marmo a finissimo lavoro la statuetta in bronzo del figliuol di Venere, che per un ingegnoso artifizio gira l'accesa face che tiene in una mano, dalla quale manda dell'acqua invece d'accenderci colla fiamma del suo fuoco sacro; dall'altra mano ha un arco con quattro saette, che parimente girando schizzano acqua da investirne all'improvviso i curiosi più vicini e quelli più lontani.

 

Interno della grotta di Cupido, Parco di Pratolino

 

Dentro ad altro bellissimo vaso c'è un delfino che si china e s'empie d'acqua; quindi sollevandosi ad un tratto, la sputa in faccia a quei che gli s'accostan per guardarlo. E gli sgabelli ! . . . anche qui son gli sgabelli fatali per mettersi a sedere... ma dato il caso che qualche incauto vi si segga, gli spilli dell'acqua lo colpiscono con tant'impeto nel petto, da parergli scariche di pistole(1).
 

(1) Vedasene l'incisione fatta dal Della Bella nella Descrizione Sgrilli, e nel solito corridoio della Galleria. Il muro esterno di questa grotta esiste tuttora nella sua forma intiera.

Cenni storici
Gigante dell'Appennino
Grotta di Cupido

Altri articoli
Lo Stortignaccolo
Lo Stortignaccolo

Il Toscano è diventato un simbolo della Toscana e della sua cultura, oltre a essere amato da molti appassionati di sigari in tutto il mondo.

La maschera funebre di Dante
La maschera funebre di Dante

Il dono di Seymour Kirkup: un po' storia della maschera di Dante.

Fiorentini ciechi e pisani traditori
Fiorentini ciechi e pisani traditori

La rivalità storica tra Firenze e Pisa è alimentata da un antico inganno: le colonne in porfido offerte dai pisani a Firenze si rivelarono opache.

Tettoia dei Pisani
Tettoia dei Pisani

Sulla Piazza della Signoria, di fronte a Palazzo Vecchio esisteva la Tettoia.